Malattie Professionali: patologie della pelle al 1° posto tra i lavoratori più giovani

26 gennaio 2021 – Tra le malattie professionali quelle della pelle sono al primo posto (31%) tra i lavoratori più giovani. E’ quanto emerge dal Rapporto MALPROF 2015 – 2016 redatto dall’INAIL (Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro). L’istituto raccoglie dati, sull’intero territorio nazionale, con cui è possibile conoscere quali patologie interessano i lavoratori del nostro Paese. Il documento contiene informazioni sulla ricostruzione delle storie lavorative, con la conseguente attribuzione del nesso di causalità della malattia alle mansioni e settori di attività economica effettivamente implicati.

I settori maggiormente interessati da casi con nesso positivo per le malattie della pelle sono la sanità e le costruzioni. Sono stati rilevati anche episodi nella fabbricazione e lavorazione dei prodotti e la preparazione e concia del cuoio, delle pelli, del legno e nelle produzioni alimentari. I dati suggeriscono di prestare particolare attenzione a questi lavoratori. Suggeriscono inoltre la necessità di effettuare screening e prese in carico precoci per determinate categorie professionali. L’obiettivo deve essere evitare che si ricorra alle cure quando le patologie sono allo stadio avanzato. Questi interventi garantirebbe una maggiore efficacia delle terapie, un migliore governo dei sintomi, un innalzamento della qualità della vita dei lavoratori coinvolti. Dal punto di vista dell’intero servizio sanitario nazionale indubbi sarebbero i risparmi ottenuto nel medio-lungo periodo.

Fonte: INAIL

NewsPatologie cronicheTumori