Carcinoma Squamocellulare

Come si manifesta
Si presenta sulla pelle sotto forma di lesioni a superficie irregolare e rugose oppure come noduli e placche irregolari. Questi sintomi compaiono di solito nelle aree anatomiche più esposte alla luce del sole come testa, collo, dorso, mani e avanbracci.

Diagnosi
La neoplasia si sviluppa nelle cellule squamose, quelle più superficiali che compongono la nostra pelle. La diagnosi definitiva avviene attraverso un esame istologico e nella maggioranza dei casi non è necessaria la biopsia.

Terapie
Il principale trattamento consiste nella rimozione chirurgica del tumore e il tasso di guarigione arriva fino al 95%. Esistono tuttavia casi in cui bisogna ricorrere ad altri trattamenti come crioterapia, terapia fotodinamica oppure l’uso di agenti topici specifici. A volte, in fase post operatoria, il paziente può essere sottoposto a delle sedute di radioterapia per evitare possibili ricomparse del cancro. La chemioterapia invece non rappresenta una cura efficacie.

Carcinoma Squamocellulare

Incidenza
Rappresenta circa il 25% di tutte le neoplasie che colpiscono la cute. Non ci dati precisi sull’incidenza e si calcola che in Italia ci siano circa 19.46 casi per 100.000 l’anno. Rispetto al carcinoma basocellulare presenta un rischio più alto di sviluppare metastasi. Anche per questo sottogruppo di tumori il fattore di rischio principale è l’esposizione ai raggi UV (sia naturali che artificiali). L’età avanzata e il fototipo chiaro aumentano le possibilità di insorgenza.