Micosi fungoide, l’esperto: “Contro la malattia serve un approccio multidisciplinare”

27 aprile 2021 – In Italia non si parla molto di linfoma cutaneo, un tipo di tumore della pelle abbastanza raro. Sono pochi in effetti gli ambulatori, presenti sul nostro territorio nazionale, dedicati all’assistenza dei pazienti.

“I linfomi primitivi cutanei sono quelli che nascono sulla pelle e non sui linfonodi – afferma il prof. Giuseppe Argenziano, ordinario e direttore della clinica Dermatologica dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, Napoli. Tra questi il più diffuso e frequente è senza dubbio la micosi fungoide che rappresenta più della metà di tutti i linfomi della pelle. Un aiuto per questi pazienti si trova a Napoli dove da diversi anni c’è un ambulatorio multidisciplinare dedicato alla cura della patologia. E’ una malattia che deve essere per forza trattata da un team multidisciplinare in quanto nelle forme iniziali di micosi fungoide è il dermatologo che fa la diagnosi e prescrive la terapia. Per le forme più avanzate e importanti è invece necessaria la stretta collaborazione di uno specialista ematologo”.

“Nel nostro ambulatorio stiamo valutando centinaia di casi – conclude il prof. Argenziano -. In tutta la Regione Campania esistono solo un paio di strutture sanitarie in grado di trattare una malattia così rara. Un centro specializzato e multidisciplinare, come quello dove lavoro a Napoli, ci consente gestire la fase terapeutica in maniera molto più efficacie. I vantaggi per il paziente sono quindi innumerevoli”.

Infine esiste una piccola community italiana di pazienti che è un gruppo di La Pelle Si Cura.

NewsTumori