Sindrome dell’ovaio policistico: gli alert sulla pelle

La sindrome dell’ovaio policistico  (SOP) è uno dei disturbi ormonali più comuni e colpisce  le donne in tutto il mondo. Ha un’eziologia sconosciuta ed è riconosciuto come un disturbo che provoca una sovrapproduzione di ormoni maschili principalmente dall’ovaio ed è associato all’insulino-resistenza. Il viaggio del paziente con la sindrome dell’ovaio policistico e l’approccio terapeutico sono diverse per ogni paziente. Le manifestazioni sono più gravi negli individui obesi ma esiste anche un fenotipo magro. Le donne con la SOP possono essere sotto-raggruppate in base a caratteristiche cliniche con malfunzionamenti endocrinologici e possono essere curate di conseguenza con diversi trattamenti.

La pietra angolare della patologia della SOP è la resistenza all’insulina, il che significa che il corpo non risponde normalmente all’insulina e quindi aumenta la secrezione di insulina dal pancreas, che innesca l’infiammazione e l’aumento di peso. L’alto livello di insulina è  un criterio diagnostico. L’alta insulina provoca anovulazione e promuove anche la secrezione di testosterone dalle ovaie (iperandrogenismo).

La SOP si manifesta anche nella pelle.

Le caratteristiche della pelle nella SOP a volte si presentano prima rispetto a periodi di ciclo irregolare o alle indagini per l’infertilità. Il sospetto di SOP può aiutare nella diagnosi precoce e nella prevenzione della progressione della malattia.

Quali possono essere i segni sulla pelle che possono far avanzare il sospetto diagnostico?

L’acanthosis nigricans è una malattia della pelle caratterizzata da scurimento e ispessimento della pelle, che si verifica principalmente nelle pieghe: nell’ascella , nell’inguine e nella parte posteriore del collo. Spesso trattata come sporcizia, questa condizione è sinonimo di insulino-resistenza e obesità. A volte può essere anche indotta da farmaci e tumori. L’approccio terapeutico consiste nella riduzione del peso e nella diminuzione della resistenza all’insulina con una dieta a basso indice glicemico e allenamenti regolari. Anche gli agenti schiarenti della pelle come i retinoidi, l’acido glicolico e i trattamenti come i peeling con TCA che hanno un ruolo nel miglioramento cosmetico.

L’irsutismo o i peli superflui del viso sono il risultato di iperandrogenismo o di un’eccessiva secrezione di ormoni maschili. Colpisce principalmente il mento, i fianchi, il petto, le cosce e persino l’area del capezzolo. Il trattamento richiede una riduzione del peso per controllare la globulina legante gli ormoni sessuali sierici (SHBG) che a sua volta controlla i livelli di testosterone libero, farmaci che riducono gli androgeni come spironolattone, OCP e riduzione dei peli con il laser.

Acne o brufoli: le donne con acne persistente fin dall’adolescenza o con l’acne che si presenta per la prima volta dopo i 25 anni devono essere valutate per SOP. L’acne nella SOP  è generalmente resistente ai trattamenti standard per l’acne, colpisce principalmente il terzo inferiore del viso, è associata a eruzioni estremamente delicate che suggeriscono una maggiore infiammazione e mostrano  riacutizzazione premestruale. I trattamenti richiedono più tempo per avere una risposta, almeno 3 mesi solitamente, e l’approccio migliore è aggiungere contraccettivi orali combinati con progesterone anti-androgeni. Il ruolo di integratori come inositolo, magnesio, zinco e vitamina D possono avere  un ruolo importante nel controllo dello stato infiammatorio.

La dermatite seborroica che si presenta spesso come cuoio capelluto grasso e forfora, quando grave può colpire le aree grasse della pelle , ad esempio intorno al naso tra le sopracciglia e dietro le orecchie. Associato a androgeni e quindi a una maggiore secrezione di olio che promuove la crescita di un fungo chiamato malassezia, richiede un trattamento e una pulizia quotidiana del cuoio capelluto con uno shampoo all’acido salicilico o al ketoconazolo.

La perdita di capelli o il diradamento dei capelli femminili che si presentano principalmente nella zona della corona e della parte frontale, vengono spesso ignorati fino a quando non diventa visibile una parte importante del cuoio capelluto. Il frequente cambio di acconciature per coprirlo senza  le opportune cure mediche porta alla progressione e a maggiori danni.

La SOP è un disturbo che colpisce il corpo non solo a livello ormonale, influenzando  il metabolismo e la fertilità, ma ha anche effetti di vasta portata sulla autostima delle persone perchè ha un’influenza sull’aspetto e sull’immagine estetica. Inoltre, anche stress, depressione e ansia risultano essere piuttosto ricorrenti in chi soffre di SOP.

Riferimenti

Emozioni, comportamenti e relazioni: uno studio caso-controllo sul self-cutting in adolescenza.
Gatta M, Spoto A, Miscioscia M, Valentini P, Donadel ME, Del Col L, Zanato S, Traverso A, Ferruzza E.
Riv Psichiatr. 2019 Jul-Aug;54(4):175-182. doi: 10.1708/3202.31800.
PMID: 31379383

The Rotterdam ESHRE / ASRM-sponsored PCOS consensus workshop group. Revised 2003 consensus on diagnostic criteria and long-term health risks related to polycystic ovary syndrome (PCOS). Hum Reprod 2004; 19: 41-47.

Azziz R, Carmina E, Dewailly D et al. POSITION STATEMENT: Criteria for Defining Polycystic Ovary Syndrome as a Predominantly Hyperandrogenic Syndrome: An Androgen Excess Society Guideline. J Clin Endocrinol Metab 2006; 91: 4237-4245.

The Amsterdam ESHRE / ASRM-Sponsored 3rd PCOS Consensus Workshop Group. Consensus on women’s health aspects of polycystic ovary syndrome (PCOS). Hum Reprod 2012; 27: 14-24.
Carmina E, Oberfield SE, Lobo RA. The diagnosis of polycystic ovary syndrome in adolescents. Am J Obstet Gynecol 2010; 203: 201–205.

Gruppo  di consenso PCOS di Rotterdam ESHRE / ASRM sponsorizzato. Consenso del 2003 rivisto sui criteri diagnostici e sui rischi per la salute a lungo termine legati alla sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Riproduzione del ronzio 2004; 19: 41-47.

Azziz R, Carmina E, Dewailly D et al. DICHIARAZIONE DI POSIZIONE: Criteri per definire la sindrome dell’ovaio policistico come una sindrome prevalentemente iperandrogena: una linea guida della società per l’eccesso di androgeni. J Clin Endocrinol Metab 2006; 91: 4237-4245.

Il 3° gruppo  di consenso PCOS sponsorizzato da ESHRE/ASRM di Amsterdam. Consenso sugli aspetti sanitari delle donne della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Riproduzione del ronzio 2012; 27: 14-24.
Carmina E, Oberfield SE, Lobo RA. La diagnosi della sindrome dell’ovaio policistico negli adolescenti. Am J Obstet Gynecol 2010; 203: 201-205.

1 – Il gruppo di workshop di consenso PCOS di Rotterdam ESHRE / ASRM sponsorizzato. Consenso del 2003 rivisto sui criteri diagnostici e sui rischi per la salute a lungo termine legati alla sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Riproduzione del ronzio 2004; 19: 41-47.2 -Azziz R, Carmina E, Dewailly D et al. DICHIARAZIONE DI POSIZIONE: Criteri per definire la sindrome dell’ovaio policistico come una sindrome prevalentemente iperandrogena: una linea guida della società per l’eccesso di androgeni. J Clin Endocrinol Metab 2006; 91: 4237-4245.3 – Il 3° gruppo di workshop di consenso PCOS sponsorizzato da ESHRE/ASRM di Amsterdam. Consenso sugli aspetti sanitari delle donne della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Riproduzione del ronzio 2012; 27: 14-24.4 -Carmina E, Oberfield SE, Lobo RA. La diagnosi della sindrome dell’ovaio policistico negli adolescenti. Am J Obstet Gynecol 2010; 203: 201-205.

1 – Il gruppo di workshop di consenso PCOS di Rotterdam ESHRE / ASRM sponsorizzato. Consenso del 2003 rivisto sui criteri diagnostici e sui rischi per la salute a lungo termine legati alla sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Riproduzione del ronzio 2004; 19: 41-47.2 -Azziz R, Carmina E, Dewailly D et al. DICHIARAZIONE DI POSIZIONE: Criteri per definire la sindrome dell’ovaio policistico come una sindrome prevalentemente iperandrogena: una linea guida della società per l’eccesso di androgeni. J Clin Endocrinol Metab 2006; 91: 4237-4245.3 – Il 3° gruppo di workshop di consenso PCOS sponsorizzato da ESHRE/ASRM di Amsterdam. Consenso sugli aspetti sanitari delle donne della sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Riproduzione del ronzio 2012; 27: 14-24.4 -Carmina E, Oberfield SE, Lobo RA. La diagnosi della sindrome dell’ovaio policistico negli adolescenti. Am J Obstet Gynecol 2010; 203: 201-205.

 

News